The news is by your side.
Nuovo banner Essequadro

Camminare scalzi alla scoperta del mondo: recensione del libro “Giochi senza bandiere” dell’autore a piedi nudi Lorenzo Zucchi

"Viaggiare, vedere cose nuove: questo è sempre stato il mio imperativo. E resta un'emozione anche solo percorrere per la prima volta una piccola via di periferia".

Giochi senza bandiere (Edizioni Underground, 2023) è il terzo volume della trilogia dei viaggi dell’autore Lorenzo Zucchi. Il libro è una raccolta di cinquantotto racconti a metà fra il viaggio e la storia, in cui il lettore vola con la fantasia tra l’Italia e l’Europa alla scoperta di  meravigliose terre, culture, costumi, personaggi.

Ogni storia di Giochi senza bandiere è come uno scrigno al cui interno sono custodite altre microstorie, aneddoti, vicende, per “respirare” atmosfere di luoghi sempre diversi e caratteristici. Per ciascun viaggio Lorenzo riesce a trasmettere la bellezza delle città e dei paesini visitati, delle architetture, delle usanze, abbandonandosi alle descrizioni con trasporto e passione. È un libro che sa intrattenere il lettore con un linguaggio leggero e sfaccettato, dove in ogni angolo del mondo si possono scoprire meravigliosi paesaggi e conoscere eccentrici personaggi.

Parliamo di una raccolta di racconti che presenta un’eterogeneità stilistica in cui si modifica di continuo il registro narrativo. Lorenzo come autore, ma anche come viaggiatore, ama cambiare, sperimentare e raccontare in modo sempre nuovo: questa scelta nasce dalla voglia di comunicare l’idea di un cammino errante che sa prendere direzioni inaspettate. Il substrato del libro contiene quindi tante forme diverse di stile che vogliono trasmettere un unico messaggio: la passione per la conoscenza e la scoperta del mondo. Questa decisione narrativa introduce anche quelle che saranno le novità editoriali per le prossime pubblicazioni a cui Lorenzo Zucchi sta lavorando.

Come i primi due romanzi anche Giochi senza bandiere riprende il filo narrativo del “flusso di coscienza”. In questo terzo volume, tuttavia, pur mantenendo il legame tematico e stilistico con le pubblicazioni precedenti, l’autore suggerisce un cambio di rotta con una scrittura che assume una forma nuova. Qui Lorenzo Zucchi si misura con generi letterari diversi fra loro, tra cui il romance, il fantasy, lo storico, la prosa poetica, l’epistolare ma anche il linguaggio tipico dei blog e dei racconti di viaggio. Ne emerge una narrativa fatta di racconti sperimentali variegati.

Colpisce la narrativa vivace di Giochi senza bandiere ma non passa inosservata anche la scelta di vita anticonformista adottata dallo scrittore da quando ha iniziato a viaggiare. Lorenzo è un autore che ama definirsi uno “scrittore a piedi nudi”, poiché da oltre vent’anni ha deciso di camminare scalzo: un’ispirazione nata durante una permanenza in Messico.

È così che Lorenzo intraprende ormai da tempo i suoi numerosi tour senza l’uso delle scarpe ma camminando a diretto contatto con le strade che decide di percorrere. Un’abitudine nata per caso ma che è diventata presto una passione e poi un’esigenza irrinunciabile anche nella vita quotidiana.

Appena può, Lorenzo abbandona le scarpe, e si perde con entusiasmo tra le strade della sua città o dei posti che visita, per avere un contatto vero con il terreno e percepirsi un tutt’uno con il mondo. I suoi piedi, ormai abituati a camminare scalzi, non sentono più l’asprezza delle superfici ma volano leggeri sulle ali della scoperta e della libertà di espressione. Una scelta di vita del tutto originale che contraddistingue Lorenzo come scrittore ma, prima di tutto, che lo rappresenta come persona. Una volontà che alimenta anche la sua vena creativa.

Questa particolare passione si è legata a quella innata per la scrittura, ed è così che Lorenzo Zucchi si fa conoscere al pubblico come “scrittore a piedi nudi”. Giochi senza bandiere contiene racconti di memorie legate all’esplorazione dei paesi e alle emozioni suscitate, ma custodisce anche un modus vivendi ispirato alla scelta di camminare scalzi: un ideale che fa vivere il senso del viaggio in modo inedito.  Dai racconti di Lorenzo Zucchi emergono riflessioni e descrizioni che nascono da una percezione tutta nuova dello spazio e del “contatto” con il mondo.

Giochi senza bandiere è un libro che ben si adatta a un pubblico vasto, per i differenti stili narrativi che lo identificano ma anche per la fantasia e il coinvolgimento che suscita in chi legge. La stessa presenza di personaggi ai quali si resta piacevolmente affezionati è un motivo in più per scegliere questo libro e accompagnare i protagonisti durante i loro tour di scoperta. Giochi senza bandiere infine è un’occasione per immergersi nel particolare mondo di Lorenzo Zucchi e della sua scelta di vita, quella di ripartire da un contatto primigenio con le cose.

 

LORENZO ZUCCHI è nato a Parma nel 1973, vive da anni a Milano. Scrive per passione sul sito Milano Città Stato ed è speaker radiofonico per il format Fizz in the Morning e per la web radio Radio 20158. Nel 2020 ha esordito pubblicando per Edizioni Underground? Quante bandiere hai?, raccolta di racconti di viaggio ambientati nei paesi dell’Europa e del Mediterraneo. Nel 2021 è uscito per Edizioni Underground? Bandiere per Tutti, secondo tomo della Trilogia delle bandiere, raccolta di racconti di viaggio vissuti nei continenti extraeuropei. Nel 2023 ha concluso la sua Trilogia per Edizioni Underground? con Giochi senza Bandiere, raccolta di racconti a metà tra il viaggio e la storia con personaggi che hanno per sfondo le regioni europee. Nel giugno del 2023 pubblica con Amazon KDP il romanzo La stagione dei grandi amori, scritto a quattro mani con Gaia Valeria Patierno.

Clicca qui per leggere l’intervista a Lorenzo Zucchi.

Site Protection is enabled by using WP Site Protector from Exattosoft.com