The news is by your side.

A Tivoli tour di iniziative contro la violenza sulle donne

Tivoli –  Sono diverse le iniziative che il Comune di Tivoli – nello specifico il settore delle Politiche sociali e la commissione Pari opportunità – sostiene e promuove in occasione del 25 novembre, “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”, sancita dall’Onu nel 1999 come giornata simbolo della difesa delle donne vittime di violenze, soprusi, discriminazioni e abusi in famiglia e nella vita sociale e lavorativa, e come sprone a lottare, in tutto il mondo, per scardinare una devianza presente a tutti i livelli sociali.

 

Affianco all’assessorato alle Politiche sociali e alle Pari opportunità ci sono l’associazione “Differenza donna”, che gestisce il centro comunale antiviolenza, e le altre associazioni che operano al suo interno: “Rete rosa”“8Marzo 2012” e “Noi Lilith”.

 

Primo appuntamento sarà domani, martedì 23 novembre, con una tappa del giro “Una corsa per un’amica”, iniziativa ideata dalla ciclista Orietta Casolin e da suo marito per lanciare un forte messaggio contro la violenza sulle donne. La ciclista, partita dal Veneto, arriverà in città nel corso della mattinata di domani. Ad accogliere l’atleta davanti alla sede del centro antiviolenza “La Sibilla”, in via Lione, saranno l’associazione “Differenza donna” e le altre associazioni che operano al suo interno: “Rete rosa”“8 Marzo 2012” e “Noi Lilith”“; l’assessora al Sociale Maria Luisa Cappelli; la commissione pari opportunità; il cliclista Alessandro Malagesi, organizzatore di eventi ciclistici, attivo sul fronte della lotta alla violenza sulle donne e che ha dedicato a questo tema  l’edizione di ottobre della “Medievale di Tivoli”. Orietta Casolin ripartirà in giornata per raggiungere Roma, tappa finale di un percorso di 870 chilometri che ha toccato i luoghi in cui sono stati compiuti femminicidi.

 

Giovedì 25 novembre, sul canale youtube del Comune di Tivoli, appuntamento con la letteratura e la poesia per la promozione dei pari diritti tra uomini e donne, con videoletture di brani di narrativa, saggistica e poesie: l’evento dal titolo “Donna, violenza e società”, proposto dalla consigliera del sindaco per la promozione della lettura, Rosa Mininno.

 

Nel pomeriggio di giovedì 25 novembre, alle 16,15, flash mob per dire basta alla violenza sulle donne, in largo Cesare Battisti, organizzato con il centro antiviolenza del Comune di Tivoli “La Sibilla” e dalle associazioni che ne fanno parte.

 

Martedì 30 novembre nella sala conferenze del Museo di Città, a palazzo Macera (o della Missione), in via della Carità, alle 15,30 si terrà il convegno “Oltre il 25 novembre. Il nostro impegno tutti i giorni”, organizzato dall’assessorato alle Politiche sociali, con la collaborazione della commissione Pari opportunità e del centro antiviolenza di Tivoli “La Sibilla”. Parteciperanno, portando il loro contributo di esperienze, testimonianze, dati e riflessioni sul fenomeno della violenza sulle donne e sulle discriminazioni di genere le associazioni “Differenza donna”, “Rete rosa” e “8Marzo2012” e “Noi Lilith”, il procuratore della Repubblica al tribunale di Tivoli Francesco Menditto; il capitano della compagnia del carabinieri di Tivoli Francesco Ferrante; l’ispettore commissario di Tivoli della polizia di Stato Davide Sinibaldi; la presidente della commissione comunale Pari opportunità Francesca Chimenti e la commissione tutta; il comandante della polizia locale di Tivoli, Antonio D’Emilio; il direttore della Asl Roma 5 Giorgio Giulio Santonocito.

 

Un messaggio, un invito ai cittadini e alle cittadine a farsi partecipi di uno sforzo collettivo per sradicare dalla vita sociale gli atteggiamenti di prevaricazione maschile sulle donne, verrà anche dalla Rocca Pia, che si vestirà di rosso da mercoledì 24 a venerdì 26.

 

Già da alcuni giorni nel territorio di Tivoli è partito il lavoro di recupero e restauro delle quattro “panchine rosse” tiburtine, simbolo della crescente coscienza collettiva che sostiene il contrasto alla violenza sulle donne e occasione di riflessione, nell’ambito del progetto “Una panchina rossa contro la violenza sulle donne” ideato dalla consigliera comunale Pamela Corbo. Tutte le “panchine rosse” riporteranno, a conclusione del restauro che avverrà proprio nel corso di questa settimana, una nuova targa – donata dall’associazione Family FIRST onlus – con il numero nazionale antiviolenza 1522, affinché siano anche uno strumento utile alle donne per poter denunciare violenze o discriminazioni.

 

È stato, inoltre, rivolto un invito a tutte le farmacie del territorio per aderire a una campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne attraverso la stampa sugli scontrini del numero antiviolenza nazionale 1522 e del numero del Centro antiviolenza “La Sibilla”.

 

«Presto in alcune scuole elementari del territorio tiburtino partiranno i laboratori per sensibilizzare le bambine e i bambini sul tema delle pari opportunità, con la collaborazione di un team di esperti, perché è fondamentale far maturare sin da piccoli una coscienza piena del rispetto verso le donne», spiega l’assessora alle Politiche sociali, Maria Luisa Cappelli. «Non è più accettabile la violenza sulle donne, non sono perdonabili i femminicidi, che avvengono nella maggioranza dei casi per mano di compagni, mariti, padri, fidanzati. Un ringraziamento particolare va alla commissione Pari opportunità, al fianco dell’amministrazione e dell’assessorato al Sociale nel mettere a punto questo calendario d’iniziative che copre tutta la settimana del 25 novembre, nella consapevolezza che – come verrà sottolineato nel corso del convegno di martedì 30 – tutti devono impegnarsi nel contrasto alla violenza contro le donne. Con l’apertura, nel 2017, del centro antiviolenza “La Sibilla”, il Comune di Tivoli ha voluto dare un rifugio e uno strumento concreto alle vittime di violenze. L’équipe del centro, composta da professioniste e professionisti nei vari ambiti, ha offerto alle oltre 300 donne che vi si sono rivolte consulenza telefonica informativa e orientativa, sostegno sociale, sostegno psicologico, ascolto e consulenza legale».

 

Il centro antiviolenza “La Sibilla” si trova a via Lione ed è raggiungibile contattando i numeri 3420141671 e 0774013163, oppure scrivendo alla e-mail cavsibilla@gmail.com.​