Historia – Rocca di Botte; 1861 Carabinieri Reali

Il Corpo dei Carabinieri Reali nasce il 13 luglio 1814 in Piemonte.
Stemma Carabinieri

(Stemma ancora esistente a Rocca di Botte)

Nel 1861 con l’unità d’Italia i Carabinieri vengono distribuiti su tutto il territorio nazionale, a Rocca di Botte venne impiantata una delle prime Stazioni con in forza sette militari (Un Brigadiere e sei Carabinieri). Nel 1870 con la presa di Roma, vengono annessi all’Italia unita tutti i territori della provincia romana, parte dunque un nuovo progetto per la riorganizzazione del Corpo dei Carabinieri Reali, che sarà ultimato nel 1874 con la nascita della “Legione Territoriale Carabinieri Reali di Roma”. La nuova legione assorbirà le seguenti province: Ancona, L’Aquila, Ascoli Piceno, Macerata, Perugia e Roma. Tutte le nuove stazioni della provincia di Roma si vanno a creare in un momento in cui i bilanci erano difficoltosi a quadrare e pertanto su molte stazioni nate, alcune erano destinate ad essere soppresse, specialmente quelle nelle immediate vicinanze ad un centro più grande che in precedenza faceva parte dello Stato Pontificio. La Stazione di Rocca di Botte fu una di queste, infatti, essendo Arsoli a stretto confine e trovandosi vantaggiosamente sulla direttrice Roma – Pescara (via Tiburtina), prese il suo posto ed il territorio di Rocca di Botte passò sotto la giurisdizione della Stazione di Carsoli.Le vestigia di una delle più antiche stazioni dell’Arma si trovano a Rocca di botte, in provincia di L’Aquila. Si tratta di un paesino posto a 800 metri di altitudine, che nel 1861 si trovava esattamente sul confine tra il Regno d’Italia e lo Stato Pontificio. Questa posizione geografica ne faceva uno dei luoghi prediletti da briganti e malfattori.
A causa dell’insogente fenomeno del brigantaggio succeduto alla caduta del Regno delle Due Sicilie, nel 1861 Rocca di Botte divenne uno dei punti strategici più validi per contrastare tale nuova forma di criminalità organizzata.E’ rimasto pressochè uguale il contesto intorno alla piazzola (piazza Sciarra) sovrastante l’ingresso principale della Stazione dei Carabinieri Reali.
L’aria che vi si respira, in inverno, è veramente surreale.

Costanza Prima e dopo OK

L’immagine affrescata (immagine in evidenza) dell’ingresso della stazione (1864 – 65), che si evince nella foto in alto è il volto di una donna di nome Costanza Iale. Di Lei si era innamorato il brigadiere comandante la stazione, lo stesso che aveva dipinto in precedenza lo stemma dei Carabinieri Reali sopra l’ingresso.
Costanza non aveva certamente posato per lui, i Carabinieri non potevano entrare in tale confidenza con la popolazione del luogo. Il brigadiere ha riflesso nel muro semplicemente quello che era impresso nella sua mente, cosicché la potesse ammirare ogni qualvolta che varcava la soglia della stazione.
Costanza negli anni a seguire si sposerà con un suo compaesano, tal Getulio Tarquini, avranno due figli: Girolamo e Concetta.

(La rubrica Historia è curata da Ivan Cicchetti )

Scritto da il Mar 1 2016. Registrato sotto News. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Lascia un Commento

Galleria fotografica

redazione@confinelive.it

Cittalcentronline - ConfineLive.it
è una testata giornalistica di libera informazione territoriale on line
c/o Esaarco - Via Tiburtina Valeria Km 68.700 - 67061 Carsoli (L´Aquila) Tel.:0863995421
Aut.del Tribunale di Avezzano n. 03/12 - 619/12 v.g.
Direttore responsabile: Daniele Imperiale, coordinatrice di redazione: Elita Proietti