Tumori maligni nella Marsica, dati superiori alla media per 11 comuni su 37 tra i quali Carsoli e Oricola

Redazione  – E’ stato presentato il rapporto aggiornato del Registro Tumori Regionale dell’Abruzzo per l’anno 2016. In particolare nel volume sono riportati i risultati dell’incidenza dei tumori maligni tra la popolazione abruzzese riferiti all’anno 2016. L’Abruzzo arriva con un anno di ritardo rispetto ai dati nazionali che sono aggiornati al 2017. “Come nel resto della nazione”, si legge nella pubblicazione, “anche in Abruzzo i cinque tumori più frequentemente diagnosticati sono stati: colon-retto (1141 nuovi casi, 14,6%), mammella (1090 casi, 13,9%), polmone (795 casi, 10,2%), prostata (766 casi, 9,8%) e vescica (646 casi, 8,3%). Prima per incidenza è la provincia dell’Aquila con 1855 casi, 1005 maschi e 850 femmine, corrispondenti a 6,12 tumori per 1000 abitanti”. Contro il trend regionale che in media è pari a 5,90 casi ogni 1000 abitanti.

Una sezione specifica è stata dedicata alla Marsica che, in determinati archi temporali, ha mostrato un’incidenza di tumori maligni sensibilmente superiore alla media regionale e dunque degna di nota e di approfondimento dal punto di vista medico-scientifico.

“E’ stata svolta un’analisi di approfondimento dedicata ai 37 comuni della Marsica”, si legge nello studio, “poiché negli anni 2004-2013 il rischio di tumore dei cittadini residenti in alcuni comuni della Marsica era stato significativamente più elevato rispetto alla media regionale”.

Nel precedente report 2004-2013 a cura dell’ASR Abruzzo erano stati “8 i comuni marsicani che avevano mostrato un tasso di incidenza dei tumori maligni statisticamente significativo. Si tratta di: AvezzanoCelanoCarsoliLecce nei MarsiCerchioOricolaCollarmele e Aielli”. Per Avezzano, con un SIR (tasso standardizzato di incidenza) pari a 107, il dato “ è interpretabile come una probabilità di tumore del 7% superiore alla media regionale”, ma sono Collarmele e Aielli i comuni che presentano il SIR più elevato di tutti pari a 133. “Negli anni 2005-2009 il tasso di tumore dei comuni marsicani è stato stabilmente superiore alla media abruzzese. Nel periodo 2006-2008, il valore minimo SMR (tasso di mortalità standardizzato) osservato è stato di 59 (comune di Montefino), ed il valore massimo è stato quasi tre volte superiore: 174 (comune di Aielli)”. Tra i 14 comuni abruzzesi che hanno mostrato valori allarmanti anche nel triennio successivo (2009-2012 ndr.) vi è “una parte cospicua dell’entroterra marsicano: Avezzano, Aielli, Capistrello, Celano, Cerchio, San Benedetto dei Marsi e Trasacco”.

I risultati sono controversi e necessitano di ulteriori approfondimenti, anche per le verifiche dell’anno 2016 – 2017.

“In particolare, in entrambi i trienni si sono osservati SMR molto elevati (≥140) nei due comuni di Aielli e Cerchio”. “A partire dal 2010, sino al 2013, la differenza tra le due incidenze, marsicana e regionale, si è di fatto annullata. Tuttavia, nel biennio 2014-2015 si è osservata nuovamente una differenza significativa, con tassi di incidenza ancora superiori nei comuni marsicani. Infine, nell’ultimo anno (2016 ndr.), le due incidenze sono tornate a sovrapporsi”. Questo, secondo quanto spiegato nello studio, sta a significare che nel biennio 2014-2015 “sono stati diagnosticati più tumori rispetto alla media regionale. Tuttavia sebbene questo trend”, tenendo sempre fede ai dati, “non si stato confermato nel 2016”, afferma l’ASR Abruzzo, “sarà necessaria la prosecuzione di analisi specificamente dedicate a questo territorio  per chiarire se sussistano tuttora degli elementi e dei fattori di rischio in grado di accrescere la probabilità di tumore della popolazione marsicana”. Tali approfondimenti, “per quanto opportuni, richiedono tuttavia risorse aggiuntive rispetto a quelle attualmente a disposizione del Registro Regionale”.

Per l’anno 2016 “sono stati estratti i soli nuovi casi di tumore a carico di residenti in uno dei 37 Comuni della Marsica”. In estrema sintesi “i risultati relativi ai comuni della Marsica hanno segnalato, da un lato, che (a seguito di un’incidenza sempre superiore alla media a partire dall’anno 2004 ndr.) nel quadriennio 2009-2013 il rischio di tumore per la comunità marsicana si era allineato a quello del resto dell’Abruzzo. Tuttavia, nel biennio 2014-2015 sono stati diagnosticati più tumori rispetto alla media regionale; dato non confermato nel 2016”. Tuttavia la Marsica continuerà a stare sotto la lente d’ingrandimento nello studio sull’incidenza dei tumori maligni manifestati dalla popolazione di questo territorio. (Federica Di Marzio)

Scritto da il Feb 12 2018. Registrato sotto News. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Lascia un Commento

Galleria fotografica

redazione@confinelive.it

Cittalcentronline - ConfineLive.it
è una testata giornalistica di libera informazione territoriale on line
c/o Esaarco - Via Tiburtina Valeria Km 68.700 - 67061 Carsoli (L´Aquila) Tel.:0863995421
Aut.del Tribunale di Avezzano n. 03/12 - 619/12 v.g.
Direttore responsabile: Daniele Imperiale, coordinatrice di redazione: Elita Proietti