Respinto il ricorso per i comuni che resistono al passaggio Acea; Caucci: “proseguiranno le azioni a difesa del territorio”

sindaco caucciValle Aniene – Con sentenza del Consiglio di Stato, pubblicata ieri 16 maggio 2017, è stato respinto il ricorso proposto dai Sindaci dei Comuni che si stanno opponendo al passaggio dei rispettivi servizi idrici ad Acea/Ato2. Nonostante tutto, già a partire dai prossimi giorni le amministrazioni comunali coinvolte sono determinate a mettere in campo ogni possibile sforzo per continuare a resistere e valuteranno, con l’assistenza dei legali incaricati, le ulteriori azioni a difesa dei propri diritti. E’ evidente, sul piano più strettamente politico, la necessità che i superiori enti di governo territoriale, quali la Città Metropolitana di Roma e la Sindaca Virginia Raggi e la Regione Lazio con il Presidente Nicola Zingaretti, sostengano apertamente le amministrazioni comunali coinvolte, attivando un percorso a difesa delle iniziative intraprese e che approdi immediatamente alla attuazione della L.R. n. 5/2014. È infatti solo con la definizione di nuovi ABI (ambiti di bacino idrografici) più circoscritti, più vicini alle esigenze dei territori e quindi più funzionali a principi di efficacia ed efficienza, che potrà essere garantito un servizio idrico “a misura di cittadino” e non asservito alle grandi concentrazioni ed ai grandi monopoli. Massimiliano Valente Sindaco di Agosta Gabriele Caucci Sindaco di Arsoli Carlo Maglioni Sindaco di Marano Equo Sandro Ceccarelli Sindaco di Roviano.

Scritto da il Mag 17 2017. Registrato sotto Live. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Lascia un Commento

Galleria fotografica

redazione@confinelive.it

Cittalcentronline - ConfineLive.it
è una testata giornalistica di libera informazione territoriale on line
c/o Corner Group - Piazza Corradino 1 - 67061 Carsoli  (L´Aquila)
Aut.del Tribunale di Avezzano n. 03/12 - 619/12 v.g.
Direttore responsabile: Daniele Imperiale, coordinatrice di redazione: Elita Proietti