Carsoli nel tempo, per non dimenticare la sofferenza del dopoguerra

Redazionale – Il centro di Carsoli venne dilaniato dalla guerra, e gli effetti perdurarono per diversi anni. Nella foto a corredo possiamo vedere l’area attuale spartitraffico tra via Valeria (sulla sinistra) e di via Goffredo Mameli (sulla destra). Epoche in cui per andare ad Avezzano si doveva passare per la vecchia Tiburtina Valeria, e quindi si può osservare l’unico cartello indicativo in direzione di Colli di Monte Bove poichè la Variante alla Tiburtina Valeria fu costruita solo successivamente. Le rovine di questo spazio in cui si trovavano delle case, restò così per tempo, con i sassi, polvere e con i pali provvisori di legno per la conduzione della corrente elettrica. Intanto si scorgono sulla sinistra con affaccio su Piazza Corradino le prime ricostruzioni di edilizia popolare, con a fianco il nuovo campanile della Chiesa di Santa Vittoria che iniziò a svettare e restituire un pò di speranza. Attualmente in questa location c’è l’Ufficio Postale di Carsoli, edificato negli anni 60, e poi oggetto di alcune fasi di ristrutturazione. La popolazione dell’epoca aveva ben poco da lamentarsi, e si rimboccò le maniche per restituire un decoro al paese, e ci vollero anni di battaglie anche burocratiche per poter procedere alla ricostruzione. La guerra del ’43 mise letteralmente in ginocchio la realtà di Carsoli, che fu interessata dai bombardamenti. La popolazione fu costretta a lasciare il paese rifugiandosi nei posti vicini per evitare di essere colpiti dalle bombe. Dopo la guerra il paese subì una fase lunga di stabilizzazione, accusando le ferite inferte dalla guerra. Solo dopo qualche anno, con l’aiuto di leggi speciali varate dal Governo, fu possibile ricorrere ai “mutui di guerra”,  che consentirono la ricostruzione di abitazioni ed edifici demoliti. La ripresa iniziò già dagli anni 60, epoca in cui nel centro di Carsoli iniziò il periodo della ricostruzione. Questa testimonianza serve a mantenere la memoria, nel ricordare quanti hanno pagato con la vita il sacrificio e gli orrori della guerra.

Dedicato ai caduti di tutte le guerre

 

 

 

L’ingresso iniziale era in via Valeria, dalle scalette un pò antiestetiche che ospitano le sempiterne cassette postali ormai in disuso. Nella foto n. 1 si può osservare il Ponte sul fiume Turano che nella parte sinistra era delimitato da un piccolo muretto e solo alcuni anni dopo, venne trasformato in strada di accesso su via Roma. Il Palazzo Angelini (a sinistra) venne ricostruito nello stesso posto in cui era, ma cambiò ovviamente la tipologia di costruzione che seguì la moderna cortina. Nel piano terreno trovò spazio la nuova Farmacia Petrocchi, amplissimi locali trasferiti da Via Roma (vicino edicola), e proseguendo venne edificato l’imponente ed ancora moderno Palazzo Arcangeli, e  per proseguire sul lato di Piazza Corradino il Palazzo Collacciani che fa angolo tra via Mario Galli e via Valeria, con ampi locali dedicati alla Scuola Guida di Giancarlo Serafini. Piazza Marconi dalla distruzione era ridiventato un vero cuore del paese, farmacia, posta, la Chiesa di Santa Vittoria, con gli storici negozi di alimentari (sor Vittorio De Angelis, dove ora è la gioielleria Il Capitello) e Alimentari di Federico De Luca (attuale Carrefour gestito sempre in continuità generazionale dalla famiglia). Sul lato destro di piazza Marconi si entrava dunque in via Mameli, dove c’era il distributore di benzina, con officina meccanica di Toto Arcangeli, ed infine lo storico bar Patacchino nel lato opposto del fiume, oggi Vevo Bar. Come si può osservare non vi era un marciapiede, ma non si correva certo il rischio di essere investiti in considerazione dello scarso traffico, e dei pochi veicoli in circolazione. La ricostruzione dunque aveva restituito al paese i riferimenti importanti, ed i primi palazzi moderni, contribuirono ad annunciare una trasformazione crescente che da paese proiettava al realtà di Carsoli verso una moderna ed industrializzata cittadina, quale seppe diventare in brevissimo tempo.

piazza-marconi-antica-carsoliNella piazza Marconi, altro storico scorcio ripreso dalla abitazione di Gino De Luca e che mostra un’altra attività storica di abbigliamento e Confezioni Lattanzio.

Scritto da il Feb 6 2018. Registrato sotto Flash Live. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Lascia un Commento

Galleria fotografica

redazione@confinelive.it

Cittalcentronline - ConfineLive.it
è una testata giornalistica di libera informazione territoriale on line
c/o Esaarco - Via Tiburtina Valeria Km 68.700 - 67061 Carsoli (L´Aquila) Tel.:0863995421
Aut.del Tribunale di Avezzano n. 03/12 - 619/12 v.g.
Direttore responsabile: Daniele Imperiale, coordinatrice di redazione: Elita Proietti